Skip to content

CIMA DEL REDENTORE – UN AFFACCIO SULLA RIVIERA D’ULISSE

Sulla vecchia via Micaelica,
tra bastioni di roccia calcarea e profumi mediterranei,
sospesi tra il mare e i monti brulli, il paesaggio che si può osservare
dai i sentieri del Parco Naturale dei Monti Aurunci
è un mix di pietra bianca, pianori che ricordano piccole steppe
e panorami arsi investiti dal vento caldo del mare.

Già dal Golfo di Gaeta si può ammirare il piccolo “massiccio” che ospita sulla sua sommità la statua bronzea del Cristo Redentore posto ad una quota di 1252 m.
Percorrendone la via storica, le fioriture da giugno a luglio si condensano in profumi rilasciati dalle stazioni di elicriso e di ginestre e le garighe a salvia ricoprono i pendii pietrosi che si affacciano sul versante tirrenico.

Una volta raggiunta la cima, potremo osservare uno dei più bei panorami laziali: la vista spazierà dalla costa del mar Tirreno alla foce del Garigliano, dall’inconfondibile profilo del Circeo a nord, fino al Vesuvio e alle isole di Ischia e Capri sul versante più meridionale.

DISLIVELLO: 500 m
TEMPO DI PERCORRENZA (A/R): 5 ore
LUNGHEZZA (A/R): 8 km
DIFFICOLTA’: FACILE/MEDIA
PERIODO: da settembre a giugno

Per ulteriori informazioni e per prenotare la tua escursione contattaci compilando il modulo in basso: